Se c’è una categoria che non sopporto sono i finti cinici.
Avete presente quelle persone che su facebook scrivono sempre che il mondo è una merda, la vita fa schifo, la gente è tutta stronza? Ecco, dovete sapere che molti di loro non sono davvero così, fingono!
Infatti, si potrà notare come questi soggetti (nel momento in cui scrivono queste cose) sono affetti dalla malattia della singletudine.

La singletudine è una patologia che non colpisce tutti i single, ma solo una porzione di essi e li trasforma in gente frustrata e incazzata come se gli avessero appena dato degli impacchi di peperoncino per curare le emorroidi.

Non a caso, cosa succede quando tornano in una relazione stabile?
Insozzano le nostre rispettabilissime home con frasi pucciose, odi al mondo, manifestazioni di estasi dell’ordine cosmico e del giusto numero di orgasmi settimanali a cui ogni essere vivente ha diritto.
A questo punto, l’uomo saggio ringrazia il buon Zuckembergherino per l’invenzione del tasto “interrompi notifiche” e vive felice come un bambino che si ritrova come animatrice della sua festa di compleanno Sasha Grey vestita da fatina.

 

Sostieni anche tu la campagna Più fatine e meno fattoni!

Sostieni anche tu la campagna Più fatine e meno fattoni!

Ma questi infingardi non si arrendono, iniziano a prendere di mira tutti gli status negativi, scrivendo inni alla gioia.
Qualche esempio:
“Che giornata di merda!”
“Ma dai, c’è il sole. Sorridi al mondo e il mondo ti sorriderà”.

Oppure:
“Le ragazze sono tutte zoccole!”
“O forse sei tu che scegli quelle sbagliate. Guardati attorno e ti sorprenderai”

Ma se tu fino a sei mesi fa schifavi il mondo e dicevi che l’amore non esisteva, che per te non c’era speranza, che per il mondo intero non c’era speranza, che eravamo il risultato fallimentare di un dio malvagio. Ed ora che fai?
Solo perchè hai preso una pontella si saciccia, o un paio di sfoglie di patana diventi la manifestazione di una divinità con evidenti problemi di demenza?

Diete voi, la gente è libera di cambiare e di manifestare gioia e amore.
Sì, ma non deve inquinare il mio odio!
Ho fatto tanto per farlo crescere così bene, non voglio che me lo vengano ad insozzare così!